Questo sito utilizza Cookie

Questo sito utilizza solo cookie tecnici di terze parti per il corretto funzionamento delle pagine web.

Cliccando sul tasto "Permetti" acconsentirai all'uso dei cookie per questo sito, altrimenti

ESCI DA QUESTO SITO E VAI SU GOOGLE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA E GEOAMBIENTALI
CORSI DI LAUREA IN SCIENZE GEOLOGICHE

Didattica



PLS 2016 - Geologia

PLS-Loghi

 

Referente: Prof.ssa Annamaria FORNELLI

Il Programma:

 

Martedi 26 aprile
Seminario. Conoscere il carsismo per comprendere i paesaggi più spettacolari della nostra regione
Il seminario prevede una parte teorica riguardante l’origine del carsismo e le forme che da esso si originano.
Il termine carsismo indica l'attività chimica, sia di dissoluzione che di precipitazione, esercitata dall'acqua e da CO2, soprattutto su rocce calcaree. Dissolvendosi, le rocce danno luogo a forme caratteristiche e spettacolari sia in superficie (forme epigee) che nel sottosuolo (forme ipogee).
La Puglia è nota per le molteplici e spettacolari manifestazioni del fenomeno carsico, che interessa principalmente il promontorio del Gargano, e l'altopiano delle Murge. Le grotte sono senza dubbio le forme ipogee più conosciute, ma sono caratteristiche anche forme di superficie quali ad esempio le doline, gli inghiottitoi e le valli carsiche. La comprensione dello stretto rapporto tra il processo carsico e le forme risultanti, costituisce la base per una corretta comprensione del paesaggio nella nostra regione.
Nella seconda parte del seminario, di tipo pratico, "si toccherà con mano" quel fantastico mondo sotterraneo custodito nel sottosuolo pugliese. Si osserverà direttamente, attraverso semplici esperimenti, cosa succede quando ha luogo l'attività carsica. Sarà possibile verificare perché e quali tipologie di rocce sono interessate dal fenomeno di dissoluzione. Sarà possibile comprendere cosa succede quando l'acqua raggiunge il sottosuolo e osservare “in diretta” i prodotti di precipitazione chimica: le concrezioni.

 

 

Venerdì 29 aprile
Escursione. Esempi di relazione fra geologia e uomo: dai Sassi di Matera all’Uomo di Altamura
Matera1L’escursione sul campo prevede un primo stop panoramico al Belvedere di Matera, dal quale si potranno osservare Matera2particolari del paesaggio murgiano fra cui la Gravina, una profonda gola che incide dapprima le rocce tenere calcarenitiche del Pliocene-Pleistocene (note anche come “tufo”) e poi i più tenaci calcari del Cretaceo. Nelle rocce calcarenitiche, più tenere, si sono sviluppati i “Sassi di Matera”.
Il secondo stop invece riguarda l’osservazione di una delle forme carsiche più peculiari della nostra regione, tanto da essere considerato un geosito: il Pulo di Altamura, una dolina profonda circa 90 m, e ampia circa 510 m.
In un’area vicina al Pulo, nella Grotta di Lamalunga, anch’essa di origine carsica, circa 20 anni fa sono stati scoperti i resti fossili di un Uomo neandertaliano. Sarà possibile grazie al “Centro Visite dell’Uomo di Altamura”, collocato proprio di fronte al Pulo, effettuare una visita virtuale all’interno della grotta assistendo alla proiezione di un filmato 3D.

 

 

Lunedì 2 maggio

Seminario. Il territorio attraverso le carte topografiche.
Il seminario prevede una parte teorica riguardante la “Carta Topografica d’Italia” a differenti scale e le tecniche di orientamento sia sulle carte che sul campo.
La seconda parte del seminario è di tipo pratico e prevede la lettura delle carte topografiche con la realizzazione di profili topografici, calcolo della pendenza dei versanti, delimitazione di bacini
idrografici ecc. Inoltre verrà illustrato l’utilizzo della bussola per l’orientamento sul territorio attraverso esercitazioni pratiche.

 

 

Venerdì 6 maggio
Escursione La Riserva Naturale Speciale dei calanchi di Montalbano Ionico
CalanchiFossiliL’escursione sul campo prevede la visita dei calanchi di Montalbano Ionico che rappresentano uno spettacolare esempio di morfologie naturali formatesi ad opera dell’erosione da parte degli agenti atmosferici e meteorici su depositi argillosi. Il percorso avrà luogo lungo un sentiero che parte dal paese e scende verso la Val d’Agri, in un’area che è “Riserva Naturale Speciale dei calanchi di Montalbano Ionico”.
Si potranno ammirare le particolari morfologie dei calanchi, quelle a “lama di coltello” e le “biancane”, i livelli vulcanoclastici di circa 1 milione di anni fa, prodotti dall’antica attività eruttiva di vulcani dell’Italia meridionale, e osservare i numerosi fossili conservati nelle argille e che le rendono un museo paleontologico a cielo aperto.

 

 

 I Partecipanti:

Alle attività del Piano Nazionale Lauree Scientifiche 2016 - Geologia hanno partecipato 67 alunni degli istituti superiori presenti nella provincia di Bari e Taranto e 12 docenti di Scienze. 

Gli istituti che hanno aderito sono:

  • Liceo Scientifico Statale "Enrico Fermi" di Bari
  • Liceo Classico "Quinto Orazio Flacco" di Bari
  • Liceo Scientifico Statale "Gaetano Salvemini" di Bari
  • Liceo Classico "Carmine Sylos" di Bitonto (BA)
  • I.T.E. "Vitale Giordano" di Bitonto (BA)
  • I.I.S. "Oriani - Tandoi" di Corato (BA)
  • I.I.S.S. Polo Liceale "Galileo Galilei" di Monopoli (BA)
  • I.I.S. "L. Da Vinci - G. Galilei" di Noci (BA)
  • Licei "Cartesio" di Triggiano (BA)
  • Liceo Scientifico di Stato "Giuseppe Battaglini" di Taranto